Fotografia astronomica: alla scoperta dell'Universo

La fotografia astronomica è il mezzo con il quale possiamo osservare e mostrare agli altri le meraviglie dell'Universo, unione unica di senso estetico e rigoroso metodo scientifico. La fotografia astronomica, al contrario di quella naturalistica, si distingue per le solide basi scientifiche. Il fotografo del cielo è, prima di tutto, uno scienziato che cerca di elaborare ed interpretare al meglio ciò che riesce a catturare dagli oggetti del cielo. Qualsiasi oggetto che viene catturato in una fotografia dovrebbe corrispondere alla realtà di ciò che è stato realmente ripreso.

Attraverso la fotografia astronomica digitale è possibile catturare dettagli e colori troppo deboli per l'occhio umano. Non confondete questa branca dell'astronomia con l'osservazione visuale. Si tratta di due discipline che richiedono tecniche e strumenti completamente diversi. Anche i risultati e le emozioni sono completamente diverse. La fotografia riesce a catturare, ad esempio, i colori, che molto raramente osserverete all'oculare dello stesso telescopio.

Scattare una fotografia al cielo è estremamente difficile e totalmente diverso rispetto alla normale fotografia di tutti i giorni. Bisogna poi distinguere quali oggetti vogliamo riprendere e quali risultati ottenere. I pianeti sono molto piccoli ma piuttosto brillanti: per essi è richiesto un elevato potere risolutivo, a scapito della qualità e sensibilità del sensore, che può essere anche una semplice webcam.

La ripresa di oggetti quali nebulose, galassie e ammassi stellari, richiede tecniche e strumentazioni molto diverse. Non è necessario raggiungere un'elevata risoluzione, poiché spesso si tratta di oggetti grandi in apparenza quanto la Luna piena. Per mettere in mostra la loro estensione, e le loro strutture, occorrono degli strumenti estremamente sensibili, chiamati camere CCD, delle speciali fotocamere digitali centinaia di volte più sensibili delle comuni fotocamere di tutti i giorni. Nonostante la loro estrema sensibilità, occorre spesso effettuare esposizioni di oltre 5 minuti. Un tipico scatto diurno con una comune macchina fotografica richiede che il sensore venga esposto per tempi dell'ordine di 1/250 di secondo per restare impressionato con la scena ripresa. Una nebulosa, per impressionare in modo sufficiente un sensibile sensore CCD, può richiedere un'esposizione anche di mezz'ora! il tutto, naturalmente, con il supporto, la montatura, in grado di seguire in modo perfetto il moto dell'oggetto nel cielo causato dalla rotazione terrestre. Il ruolo della montatura e delle motorizzazione assume un ruolo essenziale ed è bene avere le idee chiare in merito

La tecnica digitale permette, al contrario della vecchia fotografia chimica, di modellare, modificare e studiare in modo approfondito e rigoroso i dati in nostro possesso, specialmente dal punto di vista scientifico.

 

 

 

 

 

Scegli una categoria di fotografia astronomica

Il sistema solare

 

Il cielo profondo (deep-sky)

 

Cartografia planetaria

 

Facciamo pratica: in questa pagina troverete filmati che vi spiegano come riprendere ed elaborare le vostre fotografie astronomiche, immagini grezze e filmati da elaborare per mettere in pratica quanto appreso.

Articoli riguardanti la fotografia astronomica e le tecniche da utilizzare.