Astrofisica e cosmologia: il mondo dell'astronomia professionale

 

La bellezza dell'astronomia è il suo essere alla portata di tutti. Sebbene si tratti di una scienza, essa può essere intrapresa ad ogni livello, da quello più estetico-contemplativo (vedi fotografia astronomica e osservazione visuale), a quello più profondo, che coinvolge il mondo universitario e professionale. In questa sezione voglio offrire uno sguardo sul mondo astronomico per eccellenza, sul significato più puro e profondo dell'astronomia.

Il mondo della ricerca astronomica è ricco di soddisfazioni ma è profondamente contro-intuitivo, per questo difficile da apprezzare in fondo. Non si tratta di concetti difficili in se, piuttosto di un metodo di studio ed indagine completamente diverso rispetto all'esperienza comune, a cominciare dal linguaggio utilizzato, non più le parole, o meglio, non solo, ma la fisica, che si esprime attraverso formule matematiche, spesso molto più semplici, esatte e facili da leggere di qualsiasi frase scritta.

Non lasciatevi intimorire dall'aspetto apparentemente illeggibile; sforzatevi di entrare in questa nuova ottica, e vedrete che sarete in grado di capire in modo molto più approfondito il mondo che ci circonda.

L'astronomia di ricerca non si sofferma sui lati estetici e romantici del cielo. L'astronomo professionista non è una persona che contempla le stelle all'oculare del proprio telescopio. Nell'era moderna, l'astronomo è prima di tutto un fisico del cielo, colui che propone dei progetti di ricerca e di osservazione presso enti di ricerca e grandi telescopi, raccoglie i dati che gli interessano, effettua elaborazioni, calcoli, ricerche e poi cerca di tirare le somme, di arrivare ad una conclusione scientifica, rigorosamente secondo il metodo scientifico.

In questa sezione trovate le due branche dell'astronomia che si presentano anche in ambito professionale: quella osservativa e quella teorica. L'astronomo osservativo è un ricercatore che ricava dati attraverso gli strumenti d'osservazione, quali telescopi, radiotelescopi, e attraverso l'analisi di questi dati conduce studi e ricerche, cercando di dare spiegazioni rigorose a quello che osserva. L'astronomo teorico è colui che non ha bisogno necessariamente di effettuare studi direttamente sui dati in suo possesso. Egli ha bisogno solamente di carta e penna per spiegare fisicamente come funzionano certi fenomeni dell'Universo o addirittura come è possibile giustificare il funzionamento dell'Universo stesso.

Un astronomo osservativo è, ad esempio, colui che ricerca nuovi pianeti extrasolari e, attraverso le osservazioni, cerca di caratterizzare ciò che vede. Un astronomo teorico è colui che cerca, attraverso la teoria della relatività, di costruire dei modelli di Universo. L'astronomo teorico utilizza teorie per sviluppare dei modelli da confrontare con ciò che succede nella realtà; l'astronomo osservativo ricava dati da ciò che osserva al telescopio. Non sempre le due branche sono nettamente separate, anzi, quasi sempre si incrociano e si influenzano.

L'astronomo professionista non si occupa, generalmente, di nozioni o teorie già conosciute, piuttosto egli conduce quella che si chiama genericamente RICERCA. La ricerca, in qualsiasi ambito della scienza, implica lo studio approfondito di fenomeni ancora sconosciuti o conosciuti solo in parte. L'astronomo professionale va sempre alla ricerca di ciò che ancora non si conosce, non si sofferma mai su ciò che già è conosciuto. L'astronomo professionista, come ogni scienziato, si prefigge l'importantissimo compito di ampliare la conoscenza dell'intero genere umano.

Dati i progressi della scienza, l'astronomo professionista del ventunesimo secolo è altamente specializzato e concentrato verso problemi generalmente sconosciuti al pubblico generico, ma ugualmente, o forse più, interessanti, perché molto al di la delle nostre comuni esperienze su questo piccolo pianeta.

Le discipline astronomiche per eccellenza sono sostanzialmente due: Astrofisica e Cosmologia. L'astrofisica studia tutti gli oggetti contenuti nell'Universo, quali le stelle, le galassie, indagando i loro movimenti, il funzionamento, la struttura, le proprietà, la vita, l'evoluzione. I corpi e fenomeni da studiare sono così tanti e vasti che non esiste un Astrofisico che si occupa di tutto. Le discipline più importanti dell'astrofisica sono lo studio dei pianeti extrasolari, la dinamica delle galassie, le popolazioni stellari, la materia oscura, quasar e nuclei galattici attivi, la planetologia o l'astrobiologia. Molti astrofisici si occupano di onde gravitazionali, alcuni di lenti gravitazionali...gli ambiti di studio e ricerca sono estremamente vasti e nulla, neanche il nostro sistema solare, è conosciuto con una precisione tale da rendere inutili ulteriori ricerche. La cosmologia si occupa dell'Universo a grande scala, cercando risposte a domande del tipo: come è fatto l'Universo? E' sempre esistito? Quale è stata la sua storia, quale il suo futuro? Quale è la sua struttura su larga scala? ha avuto un inizio? avrà una fine? Il cosmologo è generalmente un astronomo teorico, poiché gran parte dei modelli che si sviluppano partono dalle leggi fondamentali della fisica.

Articoli di approfondimento. Entriamo nel mondo dell'astronomia professionale, attraverso articoli che spiegano basi e metodi di studio e ricerca. In questo modo potete crearvi una cultura di base, prendere confidenza con il linguaggio scientifico e capire come si svolge il lavoro dell'astronomo professionista e, in generale, della ricerca scientifica.

Ricerca astronomica amatoriale. Come si può ampliare la conoscenza dell'intero Universo utilizzando dei semplici telescopi amatoriali e una buona dose di metodo scientifico. Scoprirete che il mondo della ricerca astronomica è accessibile anche a chi non possiede una laurea, ma intelligenza, passione e buona volontà